NOI E IL VINO

I Vigneti

La Fattoria Castelvecchio si trova in località San Pancrazio nel Comune di San Casciano Val di Pesa a 20 km da Firenze. nella zona di produzione del Chianti Docg (Denominazione di origine controllata e garantita)con particolare riferimento alla sottozona del Chianti Colli Fiorentini. Dal 1960 la superficie aziendale si estende su 73 ettari di cui 30 ettari di vigneto e 15 ha di oliveto. La conformità del terreno è di origine pliocenica caratterizzato in prevalenza da alberese ciottoloso e da arenarie che contribuiscono ad una buona fertilità agronomica e freschezza del fondo. Dal 1995 è iniziato un piano di rinnovamento aziendale, che ad oggi ha permesso la realizzazione di 18 ha di nuovi reimpianti di vigneto specializzato in giacitura prevalentemente collinare, coltivati a sud –est con uve Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Petit Verdot e a nord-ovest con uve Canaiolo nero, Merlot, Trebbiano e Malvasia del Chianti. Le cantine,ubicate sotto la villa dispongono di tini in acciaio per la vinificazione e di un ambiente ideale per invecchiamento in legno e l’affinamento in bottiglia. La qualità dei vini nasce dalle ottime uve ottenute con passione e dalla continua e costante cura dei vigneti a garanzia dell’esclusività del prodotto. La linea produttiva punta da sempre all’affermazione del carattere e all’originalità dei vini.
Proprietà: Famiglia Rocchi dal 1962.
Titolare e direttore produzione: Filippo Rocchi.
Direttore creativo: Stefania Rocchi-Trapani.
Enologo: Luca D'Attoma

Cenni storici

Nella realtà storica Castelvecchio fu uno dei possedimenti più antichi e importanti della famiglia Cavalcanti. La denominazione della proprietà risulta già da una pergamena del 1189, relativa a transazioni immobiliari, ed in cui si parla di Castel Vecchio di Val di Pesa. Il Fabbricato seguì le fortune, piuttosto alterne, dei Cavalcanti fin quando, dopo l'esito della battaglia di Monteaperti, venne raso al suolo. Nel secolo XV, sulle rovine dell’antico castello fu costruita una villa.
Lasciata poi in abbandono, fu ridotta a semplice casa colonica dislocata al centro di un folto bosco. Nel 1960 la proprietà venne acquistata e ristrutturata da Renzo Rocchi attribuendole un elegante aspetto di dignitosa residenza, furono costruite le cantine e impiantati i vigneti e tutto cominciò per passione ed amore della campagna .All’entrata aziendale di particolare rilievo la Chiesa di San Lorenzo,di questa esistono ricordi fin dalla metà del XII secolo, in puro stile romanico.
Lo stemma in pietra posizionato sulla facciata accompagna il logo aziendale ormai da molti anni. In origine si narra che fu la cappella di un piccolo popolo da vari secoli riunito a quello della bellissima Pieve di San Pancrazio che si trova a soli 2 Km da Castelvecchio.

Filosofia di lavoro

Quel che conta è l’emozione che trasmette il vino
Filippo e Stefania con il padre Carlo Rocchi iniziano a dedicarsi a Castelvecchio nel 1993. Da quel giorno fanno una scelta di vita,cominciata per passione e per grande riconoscenza verso il nonno Renzo Rocchi che fondò l’azienda nel 1962.
La strada intrapresa regala loro emozioni ogni giorno.
Le emozioni nate in vigna dove il lavoro del viticoltore prende vita e dove la cura del vigneto è alla base di tutto.
Le emozioni della vendemmia per scegliere il giusto momento di raccolta.
Le emozioni del lavoro in cantina dove fermentazione, temperatura , rimontaggi e follature fanno la differenza, prima di passare all’invecchiamento e l’affinamento in bottiglia.
Le emozioni di dare libero spazio alle idee combinando insieme tradizione e innovazione.
Le emozioni del rapporto diretto con i nostri clienti che scelgono i nostri prodotti anno dopo anno.
La filosofia di lavoro a Castelvecchio aspira a fare conoscere il “messaggio”che ogni singolo vino racchiude in sé, rinnovandosi ogni volta presentando una collezione di infinite emozioni